Come Viene Prodotta

Come e Dove si Produce la Carbonella

Dopo le prime logiche fasi di coltivazione e raccolta del legname, uno dei primi passi che condurranno alla produzione della carbonella è l'asciugatura e la preparazione della legna da carbonizzare.

Solitamente, infatti, la legna, dopo essere stata tagliata e pulita, viene lasciata in grandi cataste al fine di farla asciugare il più possibile in modo estremamente naturale, anche se è ovvio che, ad oggi, esistono modi più veloci per asciugare la legna, come, per esempio apposite stanze.

Una volta asciutta, la legna è quindi pronta per essere carbonizzata e, come abbiamo visto, i luoghi ed i modi in cui questo avviene sono differenti. Analizziamoli allora uno per uno:

span style="font-family: arial black,avant garde;">A TERRA: è il sistema più antico utilizzato per produrre la carbonella.

In questo sistema la terra viene utilizzata quale vera e propria barriera che preserva il legname dal contatto con un eccessiva dose di ossigeno ed evita un'inutile e dannosa dispersione di calore.

I metodi, conosciuti sin dall'antichità, sono principalmente due: nel primo, dopo aver scavato una grossa buca nel terreno, vi si pone all'interno la legna (a cui viene dato fuoco) che viene in seguito ricoperta da altra terra la quale, comunque, come detto prima, dovrà lasciare passare un quantitativo di aria sufficiente a consentire la lentissima combustione della legna.

Con il secondo metodo invece, la legna viene accatastata e coperta poi con la terra a formare un grosso cumulo fumante; anche qui, alcune piccolissime aperture consentono l'entrata di pochissima aria,la quale permetterà la giusta combustione del legname.

IN FORNI DI MATTONI: è altro metodo di combustione della legna di origini relativamente recenti.

In questo caso, il processo di trasformazione della legna avviene all'interno di grossi forni costruiti in mattoni che possono essere di diversa forma.

Certamente, i modelli più diffusi sono l'alveare brasiliano e la mezza arancia argentina che prendono il nome proprio dalla loro caratteristica forma.

Il sistema di produzione di carbonella nei forni di mattoni è probabilmente uno dei più conosciuti ed efficaci.

IN FORNI DI METALLO: è il terso modo più diffuso per produrre carbone vegetale e presenta diverse versioni; tuttavia, gli svantaggi che comporta non sono da sottovalutare.

Alcuni modelli, quelli più piccoli, nonostante presentino un ottimo livello di trasportabilità e maneggevolezza, forniscono però una produzione alquanto bassa; mentre i forni metallici trasportabili di dimensioni maggiori, costruiti in acciaio, richiedono un investimento iniziale notevolmente maggiore rispetto ai forni di mattoni.

Ultimo, piccolo svantaggio è il non facile recupero dei catrami che avviene invece più facilmente nei modelli di forno in mattoni.